scarica l'app mobile: Download in Apple Store Download in Google Play
X
Carrello (0)
ananas bromelina

ananas bromelina

La bromelina non è una singola sostanza, ma è costituita da un insieme di enzimi . E' conosciuta chimicamente sin dal 1876, ma solo nel 1957 è stata introdotta come sostanza terapeutica quando Heinicke scoprì che era presente in concentrazioni molto elevate nel gambo d'ananas . La bromelina però è instabile al calore quindi la sua attività fisiologica può essere ridotta da trattamenti inopportuni o da cattive modalità di conservazione. Questa sostanza, essendo contenuta principalmente nel gambo d'ananas, può essere assunta sotto forma di capsule , compresse e polveri a base di estratto secco titolato. La bromelina svolge numerose proprietà curative, quali: azione antinfiammatoria antiedematosa (è capace di controllare gli edemi sia di tipo post-traumatico che di origine infiammatoria); azione digestiva capacità di potenziare gli antibiotici e i farmaci; proprietà mucolitica ; azione anti-bruciature; proprietà "antitumorale". La bromelina ha un'attività antinfiammatoria sia diretta che indiretta . Negli studi sugli animali è stata la più potente delle nuove sostanze studiate, agisce sull'infiammazione , gli edemi e il dolore. La bromelina svolge un'azione antiedemigena e antinfiammatoria che si esplica mediante un decongestionamento delle sedi di infiltrazione cellulitica, facilitando inoltre il riassorbimento dell'essudato. Alcuni studi, hanno dimostrato che la bromelina può aiutare a ridurre il dolore causato da artriti reumatiche e l'uso prolungato di questo enzima suggerisce che è efficace in trattamenti per altri problemi al tessuto connettivo (come tendiniti, etc.). Inoltre supplementi di bromelina possono ridurre gonfiori, lividi , tempi di cura e dolori dovuti a ferite chirurgiche o fisiche. Infatti, in Germania la commissione E (simile all'americana Food and Drug Administration) ha approvato l'uso di bromelina per questi scopi. Sin dal 18° secolo il gambo d'ananas era noto per facilitare la digestione , fra i suoi principi attivi, di primaria importanza la bromelina , ha, infatti, la proprietà di rendere facilmente e velocemente assimilabili anche le proteine più complesse . Per questo suo ruolo digestivo l' ananas viene assunto dai dispeptici o dopo pasti abbondanti. Questa sostanza dunque, oltre a mantenere una corretta digestione , può mitigare i sintomi di disordini o bruciori gastrici, in particolare quando è usata in combinazione con altri enzimi come le amilasi (che digeriscono gli amidi) e le lipasi (che digeriscono i grassi). E' stato documentato che la bromelina nell'uomo aumenta il livello di antibiotici nel sangue . Questo è stato dimostrato in uno studio in cui a 53 pazienti fu sottoposta una terapia di antibiotici combinati anche con bromelina . Essa è stata somministrata 4 volte al giorno lungo tutto il periodo di terapia antibiotica. In ogni singolo caso si è riscontrata una significativa riduzione della malattia. L'aumento del potere dei farmaci e degli antibiotici dovuto alla bromelina è causato dall'aumento della permeabilità dei tessuti malati così da permettere ai farmaci di raggiungere più facilmente il sito d'infezione. La bromelina applicata superficialmente come una crema (35% di bromelina in un composto grasso) può essere benefica nell'eliminazione delle bruciature e nell'accelerazione dei tempi di cura in questo tipo di medicamenti. La bromelina è stata studiata diverse volte, in differenti tipi di cancri, sola oppure come trattamento adiuvante, per la sua attività anti-tumorale e anti-metastatica con dei risultati interessanti che meritano però di essere nuovamente approfonditi.

a chi è sconsigliato l'uso di bromelina e ananas?

preparati d' ananas potrebbero essere scarsamente tollerati da persone con ulcera peptica attiva e sono da evitare da chi è in t rattamento con anticoagulanti , a causa della loro moderata attività antiaggregante piastrinica . La bromelina per le sue proprietà anticoagulanti può, quando somministrata in pazienti trattati con pentossifilina, aumentare il rischio di eccessivo sanguinamento .

Per gli stessi motivi può essere pericolosa quando somministrata con eparina e warfaina. La bromelina può inoltre aumentare l'assorbimento di tetracicline ed amoxicillina . In uno studio in doppio cieco effettuato su 127 pazienti, la bromelina ha significativamente aumentato i livelli serici di amoxicillina rispetto al gruppo di controllo trattato con amoxicillina e placebo. Inoltre, nel gruppo a bromelina si riscontrarono livelli tissutali di amoxicillina significativamente aumentati. Risultati similari si sono avuti sia per l'amoxicillina che per tetracicline in un altro studio controllato con placebo effettuato su 54 pazienti cui era somministrata bromelina

Generic 2

Potrebbe interessarti