scarica l'app mobile: Download in Apple Store Download in Google Play
X
Carrello (0)
peperoncino e termogenesi

peperoncino e termogenesi

peperoncino e termogenesi

Fin da tempi antichissimi, il peperoncino è un condimento molto popolare e presente nella dieta di popolazioni molto diverse e lontanissime tra loro nel tempo e nello spazio, un successo che si spiega non solamente a causa delle sue proprietà organolettiche ma che ha come elementi fondanti le proprietà benefiche di questa bacca sulla salute. Quattro composti del peperoncino, tra cui i flavonoidi e i capsaicinoidi, hanno un effetto antibatterico, cosicché cibi cotti col peperoncino possano essere conservati relativamente a lungo. Questo spiega anche perché più ci si sposta in regioni dal clima caldo, maggiore sia l'uso di peperoncino ed altre spezie. I peperoncini sono ricchi in vitamina C e si ritiene abbiano molti effetti benefici sulla salute umana, purché usati con moderazione ed in assenza di problemi gastrointestinali. Alcuni medici ne consigliano l'assunzione fino a cinque volte la settimana anche ai bambini dai 7 ai 16 anni. Il peperoncino ha un forte potere antiossidante, e questo gli è valso la fama di antitumrorale. Inoltre, il peperoncino si è dimostrato utile nella cura di malattie da raffreddamento come raffreddore, sinusite e bronchite, e nel favorire la digestione. Queste virtù sono dovute principalmente alla capsaicina, in grado di aumentare la secrezione di muco e di succhi gastrici. In ultimo il peperoncino stimolando la peristalsi intestinale favorisce il transito e l'evacuazione, il più rapido passaggio intestinale in sinergia col potere antibatterico ed antimicotico evita la fermentazione e la formazione di gas intestinali e di tossine, particolarmente le tossine della candida albicans. Il peperoncino può essere usato anche come antidolorifico in artriti, neuropatia diabetica, nevralgie post-herpetiche e del trigemino, sintomi post-mastectomia, cefalea a grappolo [Chrubasik J "Efficacy and safety of Capsicum preparations" in Chrubasik and Roufogalis (eds.) (2000) Herbal Medicinal Products for the Treatment of Pain. Lismore, Australia, Southern Cross University Press (2000)]. I capsaicinoidi agiscono a livello dei nocicettori mediante i recettori vanilloidi specifici VR-1, come desensibilizzanti dei recettori stessi agli stimoli dolorosi, in una prima fase attraverso una "desensibilizzazione acuta" ed in seguito attraverso una tachifilassi (una ridotta risposta recettoriale alle successive applicazioni di capsaicinoidi) (Roufogalis b, Dedov V "Capsaicin receptor mechanism and future trends for analgesics" in Chrubasik and Roufogalis (eds.) (2000)). Si può anche ipotizzare che la sensazione di dolore prodotta dalla capsaicina stimoli il cervello a produrre endorfine, un oppiaceo naturale in grado di agire da analgesico e produrre una sensazione di benessere. Lo psicologo Paul Rozin ritiene che il mangiare peperoncini rappresenti un esempio di "rischio limitato", come le montagne russe, dove sensazioni estreme come paura e dolore possono arrecare piacere poiché si sa che non sono effettivamente pericolose. Ma il peperoncino a noi cultori del ferro interessa sopratutto per le sue capacita' vasodilatatorie e termogeniche.. un suo uso regolare e abbastanza abbondante permette di ottenere pompaggi migliori in palestra e bruciare piu' grasso.. infatti a seguito della assunzione di peperoncino sara' capitato a tutti di avvertire calore e iniziare a sudare... be'..signori questo e' un puro effetto termogenico e la termogenesi produce calore a partire dal grasso..! questo non significa pero' che dovete ingurgitare peperoncino a tonnellate...potrebbe causare problemi di stomaco specialmente in soggetti predisposti o affetti da patologie gastriche... fatene un buon uso..siate saggi e continuate a perseguire la piu' sacra delle battaglie..quella del super fisico natural..! Master Wallace The King of  Natural

Generic 2

Potrebbe interessarti