scarica l'app mobile: Download in Apple Store Download in Google Play
X
Carrello (0)
proteine e muscoli  natural information..!

proteine e muscoli natural information..!

I MUSCOLI SONO FATTI DI PROTEINE Ecco alcuni fatti provati da varie ricerche: • Tolta l'acqua, i muscoli sono fatti di proteine. • Il lavoro fisico logora e consuma i muscoli che hanno bisogno di proteine per rigenerarsi ad un livello di efficienza e potenza superiori. • Le donne che mangiano poche proteine non sono sode (toniche). • Chi si allena ha un fabbisogno proteico almeno doppio. • Il corpo non è in grado di accumulare proteine (come invece fa con i carboidrati e i grassi) e per questo motivo le proteine devono essergli fornite ad intervalli di2/ 3 ore. • Ingerire tutte queste proteine in una volta sola con alimentazione è controproducente perché avverrebbe una cattiva digestione. Il metabolismo delle proteine Per capire perchè il corpo ha bisogno di una maggiore quantità di proteine quando si segue un programma di allenamento,diete ecc, bisogna addentrarsi nel funzionamento del metabolismo delle proteine stesse. Tutti gli aminoacidi che il corpo utilizza derivano dalla scissione a livello intestinale delle proteine assunte con la dieta. Questi aminoacidi sono poi trasportati nei tessuti e nei liquidi organici. Alcuni aminoacidi possono essere fabbricati dal corpo tramite l’azoto ed il metabolismo dei carboidrati, mentre altri sono "essenziali", cioè possono essere presi solo ingerendo proteine. Normalmente, il processo di scissione e di sintesi delle proteine avviene nello stesso momento, poichè mentre le proteine sono scisse, ne vengono prodotte di nuove dalla combinazione dello spettro degli aminoacidi. Se le proteine della dieta non bastano per rimpiazzare quelle ottenute usando lo spettro degli aminoacidi, ovviamente la capacità del corpo di produrre nuove proteine viene limitata. L’attività fisica intensa, come il bodybuilding, influenza il metabolismo delle proteine. Gli effetti di un allenamento prolungato sono una risposta anabolica che si manifesta in un aumentato catabolismo delle fibre muscolari che hanno lavorato, sostituite a turno da fibre più forti e più grosse. Siccome il corpo ha uno spettro di aminoacidi adeguato, la produzione di proteine eccede il numero di quelle eliminate e questo innesca il processo di crescita. Col tempo, se gli aminoacidi dello spettro non sono rimpiazzati tramite un aumentato apporto proteico con la dieta, la sintesi proteica non può avvenire e si cade nel catabolismo, che causa perdita di muscoli e di forza, cioè delle prestazioni. Bodybuilding e proteine Il bodybuilder può aumentare la massa magra attraverso la sintesi delle proteine, ma solo se sono disponibili riserve adeguate di aminoacidi. Dato che alcuni aminoacidi sono essenziali, possono essere acquisiti solo seguendo una dieta ricca di proteine .sotto una forma di profilo amminoacidico sarebbe meglio un pool di amminoacidi che solo la ‘’semplice’’ forma di bcaa. Non tutti concordano sulla necessità di integrazione proteica per chi pratica Bodybuilding; basta però osservare i fisici massicci costruiti proprio in questo modo per dissipare ogni dubbio a riguardo. Recenti ricerche scientifiche indicano proprio che per un bodybuilder è necessario rimanere al di sopra dei livelli raccomandati di assunzione giornaliera di proteine per riuscire ad ottenere risultati; è stato infatti dimostrato che i migliori guadagni sono ottenuti dai ragazzi che svolgono allenamenti pesanti e che consumano 3,5/3,8 grammi di proteine per kg di peso corporeo, contro solamente 1/1,5 grammi per le persone sedentarie. Altre ricerche ancora hanno evidenziato che anche solo 25 grammi di proteine in polvere in più al giorno, in aggiunta ad una dieta normale, abbinati ad un programma di allenamento, riescono ad aumentare la massa muscolare più che in quegli atleti che non fanno integrazione. Tutto ciò dimostra che integrazione proteica e allenamento regolare sono essenziali per lo sviluppo muscolare (oltre anche ad un’apporto di calorie ragionevole). Studi sul metabolismo proteico nei giovani bodybuilder mostrano che, quando si fa integrazione proteica nella dieta, aumenta il processo di sintesi proteica nei muscoli. Un’integrazione con 1,5 grammi di proteine per kg di peso corporeo aumenta la sintesi proteica di circa il 56%; addirittura, un’integrazione di 3 grammi la aumenta del 69%. I bodybuilder utilizzano anche l’esercizio aerobico, per tenere sotto controllo la percentuale di grasso corporeo; il lavoro aerobico non promuove l’ipertrofia come il bodybuilding, ma non limita nemmeno la disponibilità degli aminoacidi per la sintesi proteica; influenza si il metabolismo proteico, ma in modo differente. Sebbene il lavoro aerobico bruci carboidrati e grassi, causa anche l’ossidazione degli aminoacidi, specialmente quelli a catena ramificata (qui più importanti del pool). Il quantitativo di aminoacidi ossidati è proporzionale sia alla durata che all’intensità dell’allenamento. Si può limitare l’impiego degli aminoacidi svolgendo solo 2 ore di allenamento moderato. Più il corpo si abitua all’attività aerobica e più diventa efficiente nell’ossidazione degli aminoacidi: la conseguenza è una grave deplezione degli aminoacidi e quindi una limitazione nella sintesi proteica e nei processi della crescita. Ecco perchè l’integrazione proteica è ancor più necessaria quando si abbina l’allenamento aerobico a quello anaerobico. Le diete con elevate quantità di proteine sono sicure Sono stati sollevati molti dubbi sul fatto se sia salutare una dieta con alte percentuali di proteine; infatti si dice che troppe proteine sovraffaticano i reni perchè, mentre le proteine vengono scisse, l’ammoniaca viene trasformata in urea, la quale deve essere ovviamente espulsa dai reni stessi. E’ stato dimostrato che persone con problemi ai reni producono troppa urea se seguono una dieta con proteine alte; se quest’urea poi non è espulsa può diventare tossica ed avere conseguenze gravi. Si è supposto che se una persona sana segue una dieta con proteine alte per lunghi periodi inevitabilmente affatica i reni a causa dell’accumulo di urea. Fortunatamente tutto questo non è supportato da letteratura scientifica a riguardo: se così fosse ci sarebbe una miriade di persone con problemi ai reni, ovviamente tutti membri della famiglia dei culturisti. Animali nutriti con diete iperproteiche per più della metà della loro vita non hanno mai mostrato segni di alcun problema ai reni; anche una persona sana può dunque maneggiare diete con alti livelli di proteine per far fronte ad una aumentata richiesta. Gli studiosi mettono in guardia contro la possibilità di rischio di infarto, dovuto all’aumento di colesterolo che si può verificare con una dieta iperproteica. Questa teoria è fondata, ma va ricordato che i bodybuilder assumono proteine con grassi buoni, e comunque il colesterolo come il diabete è dovuto ad una assunzione elevata di carboidrati. ricordate: il corpo, si adatta ogni volta, al nuovo incremento di protidi,i dati riportati sono puramente a scopo informativo ma provati. titanium collaboratore team italian body

Generic 2

Potrebbe interessarti