scarica l'app mobile: Download in Apple Store Download in Google Play
X
Carrello (0)
Pumping Iron: il vero significato per il culturismo

Pumping Iron: il vero significato per il culturismo

Una nuova visione critica per questo noto film sul culturismo.

Nessun film come Pumping Iron, ha colpito l'immaginario collettivo del culturismo mondiale. Ecco allora le considerazioni controcorrente di un maestro del vero culturismo naturale, scomode ma reali e veritiere. In questo articolo vedremo:

  • Pumping Iron: il film completo;
  • Il vero messaggio del film;
  • L'ipocrisia del film Pumping Iron.

Pumping iron il film completo

Se non avete ancora visto questo leggendario film per intero, fatelo. Solo allora potrete capire bene il senso di quello che vi dirò. Questo film il cui titolo in italiano era Uomo d'Acciaio, è in realtà un documentario del 1977 basato sulla preparazione dei più noti culturisti dell'epoca al Mister Olimpia 1975, che già allora era la più prestigiosa gara del settore, e che si svolse a Pretoria, nel Sudafrica. I personaggi presenti, tutti professionisti agonisti, erano Arnold Schwarzenegger, Lou Ferrigno, Franco Columbu, Ed Corney, Serge Nubret, Mike Katz, tuti nomi noti per gli appassionati del settore veterani, meno noti fra i giovani, Arnold a parte.

Il film, sebbene agli inizi, nel corso delle riprese, rischiò di fallire per mancanza di soldi, in seguito uscì sul mercato ed ebbe un grande successo di critica e soprattutto di pubblico, e negli Stati Uniti, avvenne un enorme incremento delle palestre e di gente che iniziò a praticare il bodybuilding. Anche oltreoceano, e qui in Italia in particolare, la pratica del culturismo ebbe un impennata di popolarità e di pratica. Io stesso che già mi allenavo, seppure in un garage, e con pesi di fortuna, ne rimasi affascinato e la mia motivazione di creare un corpo come quello dei campioni del film subì una impennata pazzesca.

Il vero messaggio del film

Dunque chi ha visto il film completo di Pumping Iron credo non abbia dubbi sul fatto che tale opera ha avuto il merito di fare uscire il culturismo dal suo ghetto intellettuale, dal suo mondo underground, e se vogliamo dirlo, anche dalla sua connotazione vagamente razzista. I culturisti erano sempre stati visti come persone narcisistiche, con tendenze omosessuali, e come persone che vivevano ai margini della società. Oggi fortunatamente le cose sono molto cambiate, perlomeno sotto questi aspetti, e il film ha decisamente contribuito al cambiamento, legittimando il culturismo sia come sport agonistico, che come pratica per tutti di costruzione muscolare e miglioramento psico-fisico.

L'ipocrisia del film pumping iron

Se ci fate caso, in tutto il film, ogni aspetto della preparazione dei campioni, veniva analizzato, sia dal punto di vista tecnico, che psicologico. Anzi l'aspetto mentale veniva particolarmente enfatizzato, specie nella grande lotta psicologica fra Arnold e Ferrigno, nel corso della quale, era evidente che quest'ultimo era destinato a soccombere, schiacciato dalla grande personalità carismatica di Arnold, e non solo dal suo incredibile fisico, dotato di muscoli con linee e attaccature incredibili, e mai più viste sui palchi di gara, nemmeno al giorno d'oggi, ove i campioni attuali sono molto più grossi e definiti. Già, e questo è il punto signori, questa è la più grande ipocrisia che è nata proprio con la più grande e famosa opera cinematografica sul culturismo.In tutto il film, non vi è mai, nemmeno la più piccola prova o indizio, o segnale, che tutti quei campioni erano solamente il risultato di varie pastiglie di Dianabol.

Cosa era il Dianabol? Era il Methandrostenolone, probabilmente il più potente farmaco androgeno mai concepito.Quel farmaco, e null'altro, era il responsabile di quei corpi super muscolosi, che mai si erano visti prima, e tanto meno qui in Italia. Sembravano marziani, anche se i loro allenamenti erano ne più ne meno uguali a quelli che tutti i culturisti facevano. Infatti un altra cosa che noterete nel film , era appunto la grande semplicità degli allenamenti. Nulla di complicato, nulla da inventare tipo strane routine, esercizi strani, cronometri e sciocchezze del genere. Solo tanto pompaggio nello spingere e nel tirare, punto. In realtà un bodybuilder dovrebbe fare esattamente questo, e non seguire le mode, o i metodi di chi pensa più a complicare le cose invece di mantenerle semplici ed efficaci.

Dunque, nel film, la grande bugia nascosta che tutti sapevano e nessuno osava nemmeno fare intravedere. I campioni erano dopati, anzi super dopati, ma l'idea era quella di fare capire al mondo che tramite l'abnegazione, il sangue e sudore, la motivazione estrema, tutto era possibile! A molti questa cosa potrà sembrare di poco conto,di relativa importanza, in fondo lo scopo era quello di fare conoscere il culturismo no? Purtroppo, con il senno del poi, a distanza di circa 40 anni dall'uscita del film, la situazione del bodybuilding mondiale e italiana è solamente peggiorata. Non solo il bodybuilding non è mai (ad esempio) entrato nelle olimpiadi come sport ufficiale, ma oggi come oggi, i culturisti, se prima erano visti come narcisisti o gay, oggi sono ineluttabilmente visti come i dopati per eccellenza. Il culturista è " quello che usa le bombe" per antonomasia, e purtroppo questo non è un pregiudizio campato in aria, o frutto di persecuzioni intellettuali o di regime. Questa è la triste realtà di oggi. Soprattutto nell'agonismo, ma anche nella pratica amatoriale, nelle comuni palestre, fra i giovani e i meno giovani, l'uso dei farmaci dopanti è altamente diffuso, e le morti per doping dei campioni, è ormai lungo e tragico.

Dunque alla resa dei conti, questo film ha avuto davvero, aldilà del suo successo e meriti per la diffusione del culturismo, un significato morale e di guida per i giovani? In pratica ha fatto del bene? Certamente no, anzi, mantenere l'ipocrisia alle nuove generazioni e nascondere la verità, ha sempre e solo procurato disastri alla società. I soliti detrattori e obbiettori di queste tematiche ( in genere gente dopata e quindi di parte),potrebbero obbiettare che lo scopo del film non era quello di rivelare al mondo l'uso del doping, ma di fare conoscere il culturismo. Ma è una critica fallace e facilmente confutabile, perchè sarebbe come fare un film sui rave party, da diffondere ai ragazzi, ed esaltarne esclusivamente il lato ludico e piacevole, senza mai accennare al tema dell'alcol e delle droghe, che sono purtroppo anche in questo caso è ineluttabilmente legato a questo tipo di stile di vita.

In definitiva, credo che il film pumping iron, al giorno d'oggi vada ridimensionato, quanto meno in senso morale, perchè se da un lato ha avuto il merito di diffondere il culturismo nel mondo, per contro, e molto più grave, si macchia anche del reato più grave che dal punto di vista educativo che possa esistere, ovvero nascondere la verità alle nuove generazioni. Io da sempre lotto per la verità, e per il bene dei nostri figli, e mi pongo ad esempio in primis, morale e fisico. Per questo ho creato il migliore sistema possibile di allenamento naturale con i pesi, noto come master wallace system. L'alternativa al doping. Meditate e grazie a tutti voi!

Generic 2

Potrebbe interessarti