Italianbody
Gare di bodybuilding: cosa sono, a cosa servono e come prepararsi

Gare di bodybuilding: cosa sono, a cosa servono e come prepararsi

Il mondo delle gare, per quanto affascinante, può essere spietato... Master Wallace ci spiega il perchè

Molti giovani eroi del culturismo mi chiedono come prepararsi per una gara di bodybuilding. Io purtroppo devo sempre rispondere che la prima cosa da fare è sviluppare una sufficiente quantità di massa muscolare, e che solo in seguito si potrà iniziare a parlare di come definire al meglio il fisico! La preparazione a una gara e la costruzione del nostro fisico, comunque, sono due concetti ben diversi ed è proprio di questo che andremo a parlare ora.

Il bodybuilding è una vera e propria filosofia di vita: scopri il perchè grazie agli articoli di Master Wallace

Il culturismo è uno sport? I dubbi di Master Wallace

Lo spirito di competizione è insito nella natura umana. Questo spiega l'esistenza dello sport, dell'agonismo e la loro importanza nella nostra società. Il problema del culturismo attuale, che permane da almeno mezzo secolo, è in realtà di duplice aspetto: il primo è che nel bodybuilding la prestazione è totalmente assente; gli atleti sfilano sui palchi, gonfi e sudati, e sbuffando fanno semplicemente delle pose muscolari sia in contrazione che da rilassati.

A detta di molti tutto questo non ha semplicemente senso, perchè non esistendo valutazioni oggettive ed inequivocabili ogni giudizio non è altro che una pura opinione. Nei 100 metri piani non ci sono dubbi sul vincitore e nessuno può contestare la cosa; ma nel bodybuilding? Il caos e il libero arbitrio la fanno da padrone, con dei verdetti che vengono spesso contestati sia dal pubblico che dagli stessi atleti.

Il secondo problema è invece gigantesco e indistruttibile: mi riferisco al doping. La risposta alla domanda sul come prepararsi ad una gara di bodybuilding è purtroppo questa: bisogna imparare a doparsi e ad usare ogni genere di farmaco, come gli steroidi anabolizzanti orali e androgeni, sia orali che iniettabili… e poi l'ormone della crescita, gli ormoni tiroidei, le anfetamine, gli anti estrogeni, i diuretici, le gonadotropine e tanti altri.

In pratica, per eccellere in questo sport occorre diventare delle patetiche farmacie ambulanti! Qualcuno potrà obiettare che esistono le gare di bodybuilding naturale, senza considerare i test anti-doping… ma si tratta di pure utopie, perché nonostante la buona volontà di uomini nobili non esiste una gara che (anche in presenza di test antidoping) possa definirsi con certezza matematica immune da queste sostanze.

La vera sfida è seguire la via del bodybuilding natural

Come fare, allora? Qual è la vera sfida? Per me la vera sfida è quella con sé stessi, e potete credermi se vi dico che è la più dura che esista. La dura verità è che senza il doping certi livelli non saranno davvero mai possibili da raggiungere; la buona notizia, però, è che con l'uso intelligente e regolare degli integratori sarà possibile avvicinarsi il più possibile a quegli standard, riuscendo a costruire comunque un fisico massiccio e imponente.

Personalmente devo dire che i miei famosi 50 cm di braccio, senza un massiccio apporto degli integratori, non si sarebbero probabilmente mai potuti raggiungere. Negli anni 80 e 90, nella mia palestra, ero l'unico che riteneva importante l'uso degli integratori… e anche nei miei primi approcci nel web, in alcuni noti forum di bodybuilding portavo avanti questa causa con un’enfasi quasi fanatica, attirandomi peraltro molte critiche negative.

Oggi come oggi potrei quasi dire di essere stato un profeta, visto il dilagare nel mercato di questi prodotti dopanti. Oggi chiunque voglia davvero sviluppare un grande fisico senza uso di sostanze anabolizzanti sa che con i metodi e la guida di Master Wallace è possibile, e il successo di queste teorie sul web - con migliaia e migliaia di persone che lo seguono con dedizione e fede - lo dimostrano senza alcun timore di smentita!

L'altro grande problema dei culturisti naturali è la definizione: in primo luogo è davvero difficile scendere a percentuali di grasso molto basse, diciamo intorno al 7%. Inoltre è ancora più difficile mantenere la massa magra acquisita duramente durante i periodi di costruzione di massa invernali. Master Wallace, però, si è costruito da solo il fisico naturale più grosso e definito del mondo e proprio per questo sa cosa fare: fidatevi di lui.

Perchè si partecipa alle gare di bodybuilding

Perché molte persone decidono di salire su un palco e mostrarsi al mondo, in competizione con altri corpi? Beh, si chiama ambizione e fa parte dell’autostima, dell'ego umano:  il singolo individuo si mette in gioco non con sé stesso, ma con i suoi simili. Lo scopo è quello di essere i migliori ed avere il riconoscimento unanime del pubblico. Tutto questo ci permette di avere un ruolo nel mondo e di sentirci a nostro agio.

Si tratta di desideri legittimi che trovano la loro applicazione non solo nello sport agonistico, ma in tutti i campi della natura umana. La lotta atavica per la sopravvivenza e il cibo, le sfide per il territorio e per le femmine da fecondare… sono tutte manifestazioni del potere del più forte e - in definitiva - del desiderio di primeggiare: una gratificazione dopaminica simile alla tossicodipendenza, ma in questo caso del tutto sana e naturale.

Ma oggi, purtroppo, le gare di bodybuilding sono solo una manifestazione di sporca ipocrisia e disonestà intellettuale: in pratica un giovane agonista è sistematicamente frustrato per i risultati delle gare e non avrà mai alcuna chance di vincere, specie ad alti livelli. E perché non ha possibilità di vittoria? Forse perché le regole del gioco non sono uguali per tutti? E gli arbitri della competizione che ruolo hanno e cosa fanno davvero?

In realtà sembra davvero che i giudici di gara abbiano dei limiti perché sui palchi di gara italiani - e di tutto il mondo - accade che sul palco gli atleti non siano affatto naturali, ma dopati. Una vera truffa, un inganno sportivo. E nessuno dice nulla o fa niente per rimediare questa ignobile commedia; io la chiamo connivenza. Gareggiare è una cosa giusta e sana: va fatto, ok, ma con tutt’altra visione mentale…

Alimentazione pre-gara bodybuilding: tutta la verità

Forse credete anche che oltre alle conoscenze di allenamento in palestra, gli agonisti siano in grado di nutrire i muscoli e dimagrire al meglio fino a livelli di definizione muscolare eccellenti… vero? Devo deludervi, perché nemmeno questo è vero. Ma com’è possibile che chi gareggia nel culturismo sia un incompetente in campo tecnico e anche per quanto riguarda la pura alimentazione? Beh, l’abbiamo già detto qualche riga fa.

Oggi il bodybuilding a livello mondiale è al 99,9% basato sull’assunzione massiccia di farmaci dopanti. Punto. E quindi quale “dieta pre-gara”? Chi si dopa raggiunge rapidamente una condizione di magrezza estrema e qualità muscolare senza fare alcuna dieta! Questo fatto è talmente provato che anche chi non fa gare, ma vuole solo tenersi “in forma”, può limitarsi ad assumere farmaci orali o iniettabili all’occorrenza.

Certi atleti che usano questi mix di droghe (perchè questo sono) devono in realtà mangiare di più per sostenere il loro metabolismo, e viaggiano a piattoni di riso così abbondanti che una persona normale farebbe fatica a mangiarli. Altro che diete fa fame per le gare. Va inoltre detto che i farmaci dopanti in periodo di massa permettono di costruire massa e forza in maniera veloce e impressionante senza neanche mangiare troppo.

I farmaci permettono poi a chi li usa di allenarsi senza la minima competenza, letteralmente a casaccio, improvvisando e facendo in palestra quello che passa per la testa. Puro caos e disordine: tanto con i farmaci si diventa comunque grossi. Chiaro, ora? Ecco perchè dico che chi fa gare di bodybuilding non ne capisce nulla, ma proprio nulla. Ok, ma i bodybuilder natural? Dovranno pure avere una certa competenza, dato che non si dopano!

Questa affermazione in teoria dovrebbe essere vera, ma non sempre lo è. Guardate bene i fisici dei natural sui palchi di gara: ridicoli, con un aspetto da anoressici o malati, consumati, senza masse muscolari e misure dignitose. Secondo voi questa gente ha capito qualche cosa del bodybuilding? Alla fine quali competenza hanno dimostrato? Io veri natural con un fisico decente sul palco (intendo da vero culturista) non li ho mai visti. Pensateci su!

Le gare di Men’s Physique: che cosa sono

Che rapporto hanno con il bodybuilding le gare di man physique che oggi vanno tanto di moda? Molti non hanno ancora capito in cosa consistono esattamente questo tipo di gare, e alcuni credono che sia solo una selezione per fotomodelli. Quando si vedono dei veri culturisti sul palco, invece, nessuno dubita che sia una gara di sviluppo muscolare, anche perché si presentano in slip e non con i calzoni!

In realtà in questo tipo di competizioni lo scopo non è la massa muscolare fine a sé stessa e i volumi, ma la bellezza estetica, l'armonia e la definizione, la qualità della pelle e altri fattori puramente estetici che fanno parte in definitiva della bellezza di un uomo. La cosa che di primo acchito colpisce di questi atleti, è che hanno le gambe praticamente coperte da lunghi bermuda, e quindi gli arti inferiori sono esclusi a priori da ogni giudizio.

Ha senso questa cosa? Per me è assolutamente ridicola e limitante ai fini di un giudizio su un fisico, anche se solamente estetico. Come si fa ad escludere le gambe nel giudizio di un fisico nel suo insieme? Allora chi fa questo tipo di gare non deve nemmeno allenarle, tanto sono nascoste! Ma veniamo alla questione doping: già, perchè anche i men physique si dopano, anche se ovviamente non tutti...

In certi casi la differenza è palese rispetto agli atleti davvero naturali, i quali sono secchi, lisci e dall’aspetto smunto ed emaciato, senza vascolarità esasperata. Non sono contro chi organizza questo tipo di gare estetiche o sceglie di gareggiare, sia chiaro: sono scelte diverse, anche se a mio avviso non c'entrano nulla con il bodybuilding classico e con l'esibizione delle masse muscolari in toto (e non parziali).

Ma fare tanti sforzi per una disciplina che vuole premiare la bellezza e l'armonia, e poi scoprire che alcuni dei tizi che indossano quei bragoni da spiaggia sono dopati… che senso può avere? In conclusione io sono per la vera e unica manifestazione mascolina che un uomo possa fare nella sua vita: la costruzione di un super fisico naturale, grosso e definito. E godere di questo anche senza salire su un palco, dopato e meno che uno possa essere.

SEGUI I CORSI DI BODYBUILDING NATURAL DI MASTER WALLACE!
master wallace
Italian Body è oggi uno dei siti più completi e visitati sul Body Building Natural: buona parte della sua fama è garantita da Master Wallace, il suo fondatore, un culturista dalla personalità carismatica e unica.
Scopri di più
#7277
Calcola il tuo grado MWS