scarica l'app mobile: Download in Apple Store Download in Google Play
X
Usare gli aminoacidi bcaa nel bodybuilding

Usare gli aminoacidi bcaa nel bodybuilding

Cosa sono e come vengono utilizzati dall’organismo

Per chiunque gli aminoacidi sono degli elementi essenziali per mantenere tonica la massa muscolare ma per gli sportivi, soprattutto se si dedicano ad una costante ed intensa attività di allenamento, sono fondamentali per affrontare sforzi fisici prolungati

Tutte quelle persone che hanno deciso di intraprendere un allenamento, quindi, devono prestare attenzione e far in modo che le propria alimentazione contenga il giusto quantitativo di aminoacidi essenziali, perché l’organismo non può produrli autonomamente. Attualmente ne sono stati individuati venti, ad ognuno dei quali è stata attribuita una funzione importante nel mantenimento dell’efficienza fisica e metabolica dell’organismo. In particolare ci si riferisce, soprattutto per la dietetica sportiva, agli aminoacidi a catena ramificata, più comunemente indicati come aminoacidi bcaa, un gruppo formato da leucina, valina e isoleucina. Vediamo in dettaglio la loro funzione con particolare riguardo allo sport.

  • Bcaa: cosa sono e come vengono utilizzati dall’organismo
  • Come assumere la giusta quantità di bcaa
  • Importanza degli aminoacidi ramificati nel bodybuilding

Bcaa: cosa sono e come vengono utilizzati dall’organismo

I bcaa fanno parte dei 9 aminoacidi essenziali per il benessere del fisico e del metabolismo. Si tratta di elementi base che formano le proteine, le quali, a loro volta, sono interessate nei vari processi di sintesi di ormoni, tessuti e molto altro. In particolare i bcaa, vengono detti "ramificati" per la loro particolare struttura chimica nella quale il carbonio si lega in modo da deviare dal corpo principale. 

Rispetto agli altri aminoacidi, però, la loro funzione è focalizzata soprattutto a livello muscolare ecco perché durante lunghi allenamenti o sforzi prolungati, la loro richiesta da parte dell’organismo aumenta. Un altro aspetto che li differenzia dagli altri sta nella metodologia con cui vengono metabolizzati, ovvero senza passare dal fegato ma venendo utilizzati subito dai muscoli. 

La leucina, la valina e l’isoleucina sono impiegate subito nel mantenimento del tono della massa muscolare e nella rapida rigenerazione dei tessuti danneggiati a causa di una fatica fisica intensa e protratta nel tempo, come può avvenire nel corso di preparazioni atletiche di bodybuilding.

Come assumere la giusta quantità

Il nostro organismo non produce aminoacidi per cui possono solo essere assunti dall’esterno tramite una corretta dieta o attraverso integratori. Sono molti gli alimenti che contengono elevate quantità di queste sostanze e che, quindi, sarebbe opportuno e salutare introdurre in modo sistematico della propria alimentazione soprattutto se ci si sottopone ad allenamenti costanti. Fra questi vi sono, naturalmente, tutte le proteine di origine animale quindi carne, pesce, latte e derivati ma anche i legumi ne contengono una buona quantità. Molti formaggi, come ad esempio il parmigiano, così come la bresaola, possono apportare circa 5-6 gr di bcaa ogni 100 gr. 

Quindi una dieta bilanciata può rappresentare un ottimo inizio per tutti coloro che hanno intenzione di intraprendere una seria attività sportiva. Ciononostante, quando gli allenamenti diventano intensi è possibile ricorrere agli specifici integratori in commercio. E’ sempre necessario farsi consigliare da un medico circa la metodologia di assunzione, sebbene non esistano effetti collaterali ad essi ascrivibili. Seguendo un allenamento fisico costante l’apporto di bcaa diventa fondamentale per mantenere il tono muscolare e riparare i tessuti. 

Il migliore rapporto tra leucina, valina ed isoleucina è quello 2:1:1 in grado di assicurare il giusto sostegno di questi aminoacidi nell’arco della giornata. La maggiore quantità di leucina è giustificata dal fatto che essa interviene in modo specifico nel recupero muscolare successivo, soprattutto in discipline ad alta intensità. Secondo le indicazioni fornite dal Ministero della Salute, l’apporto massimo giornaliero di questi aminoacidi (risultante dalla somma dei tre) è pari a 5 gr, in abbinamento con vitamine del gruppo B.

Importanza degli aminoacidi ramificati nel bodybuilding

Essi in particolare intervengono nella velocizzazione dei tempi di recupero, nella crescita del tono muscolare, nella riduzione del senso della fatica, sia centrale che locale, nella riduzione dei danni ai tessuti e come sostegno energetico immediato poco prima di un’attività intensa. 

Appare evidente che un adeguato apporto di queste sostanze è fondamentale per chi pratica sport ma soprattutto per tutti coloro che scelgono di dedicarsi a discipline dove è richiesta resistenza (come ciclismo o corsa) o potenza come il bodybuilding. In questo caso, forse più che nelle altre discipline, la dieta occupa un’importanza pari all’allenamento per apportare la giusta quantità di aminoacidi necessari allo sviluppo ed alla definizione muscolare. Bisogna tuttavia considerare che l’organismo non è in grado di assimilare più di una certa dose giornaliera di aminoacidi e, quindi, in caso di un apporto eccessivo si avrebbero ripercussioni negative a carico dei reni e del fegato. 

Quindi si ad una dieta proteica ed all’uso di integratori bcaa ma nella giusta misura in modo da trovare il perfetto equilibrio tra salute e forma fisica.

BCAA e gli aminoacidi per dimagrire più efficaci

Potrebbe interessarti