scarica l'app mobile: Download in Apple Store Download in Google Play
X
Lo stretching va eseguito prima o dopo i pesi?

Lo stretching va eseguito prima o dopo i pesi?

Ecco una dibattuta questione sugli allungamenti muscolari da eseguire in palestra



Da sempre questa domanda mi viene posta da moltissimi ragazzi neofiti del bodybuilding, ma anche da culturisti over 40 e 50. E la confusione regna sovrana. Ora è tempo di fare chiarezza.

  • a cose serve lo stretching
  • i bodybuilders non sono ginnasti

A cose serve lo stretching

In linea generale gli allungamenti muscolari nello sport, o nella pratica quotidiana delle persone, hanno una funzione di rilassamento muscolare, e di migliore elasticità del fisico. In particolare gli atleti che sono nella imminenza di una gara, o di una semplice seduta in palestra, eseguono varie forme di allungamenti muscolari per prevenire infortuni e riscaldarsi bene, per favorire una migliore performance. ha senso tutto questo lavoro? In realtà poco o niente. Io vedo sempre nella mia palestra, tante persone che prima di allenarsi passano dai 15 ai 30 minuti per fare stretching.

Questo comportamento non solo è patetico, ma anche inutile e spesso dannoso. Allungare troppo i muscoli prima di allenarsi, spegne letteralmente certe sensibilità recettoriali e neuromuscolari che si attivano, specialmente in esercizi di potenza e forza massimale. Siete stupiti di questo? Un po come quando prima di fare la panca piana, molti atleti eseguono serie su serie di esercizi per la cuffia dei rotatori della spalla. Il risultato? Forza massimale che subisce cali impressionanti. Io stesso sono stato per molto tempo vittima di questi errori tecnici di riscaldamento, nati dalla voglia di dare retta al senso comune e alle leggende metropolitane.

I bodybuilders non sono ginnasti

Non dovete essere fissati con il concetto di fare per forza lo stretching prima o dopo i pesi. In realtà potete benissimo evitare di farlo. Alcuni campioni di bodybuilding lo fanno, quanto meno come si vede da alcuni video di allenamento. Ricordo ad esempio dorian yates, ma la maggior parte di essi non lo fanno assolutamente mai. Peraltro yates, a fronte di un gran numero di esercizi di allungamento, poi si strappò nella sua carriera praticamente tutti i muscoli di braccia e gambe.

 Come a dire che non ha prevenuto alcun infortunio. Ma allora cosa fanno realmente i campioni prima di iniziare l'allenamento? Quello che faccio io stesso da sempre.Uno o due esercizi di allungamento relativi al gruppo muscolare da allenare, con tempi di pochi secondi, e poi subito partire con il primo esercizio da scheda di allenamento, con asta libera senza dischi.

 Poi si aumenta il carico in maniera progressiva, e tutto è compiuto al meglio, senza tante complicazioni. Ed è il migliore metodo per riscaldarsi ed evitare infortuni. Ricordate che non siete ginnasti e non dovete raggiungere forme estreme di elasticità muscolare. Non serve ed è rischioso. Io alla età di 57 anni, sono molto elastico a livello femorale ad esempio, ma questo è merito dell'allenamento specifico con i pesi, e non dello stretching a corpo libero che pure eseguo in maniera molto limitata, pensate ad esempio agli stacchi rumeni con bilanciere per i muscoli femorali.

Nulla è in grado di allungare, stirare e rinforzare i muscoli femorali come questo esercizio ove il carico e la forza di gravità esercitano una tensione spaventosa su tali muscoli. Per forza che poi diventano super elastici. Capito il concetto? Se volete conoscere altri segreti dell'allenamento perfetto in palestra, vi aspetto nel mio servizio di abbonamento del coaching on line.

VUOI FARTI SEGUIRE DA MASTER WALLACE? QUI PUOI

Potrebbe interessarti