scarica l'app mobile: Download in Apple Store Download in Google Play
X
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 € 0 €
In palestra quante volte a settimana da natural?

In palestra quante volte a settimana da natural?

Senza doping non si può improvvisare nulla in palestra

I ragazzi e anche uomini maturi che vanno in palestra, credono che ci si possa allenare tutti i giorni, o quanto meno più di tre volte a settimana, senza pagare nessun prezzo in termini di recupero muscolare e crescita, anzi, convinti che più si fa meglio è. Ebbene nulla di più sbagliato per chi si allena senza l'uso del doping.

  • differenza fra principianti e atleti avanzati
  • la multifrequenza e il recupero muscolare

Differenza fra principianti e atleti avanzati

Bisogna capire che il volume di allenamento e la frequenza in palestra, in un atleta naturale, varia enormemente a seconda della anzianità di allenamento. Un principiante che non ha mai toccato un peso, deve prima imparare la corretta esecuzione degli esercizi, e quindi dovrà per forza di cosa, eseguire molti esercizi di varia natura. Tutti i muscoli andranno allenati, ma con pochissime serie e ripetizioni.

In poche parole risulta del tutto normale che un neofita della palestra possa allenarsi in palestra tre o quattro volte a settimana, e colpendo le stesse zone muscolari. Questo ha un senso perché con un volume di lavoro globale ridotto, l'atleta principiante riceve comunque un forte stimolo muscolare, proprio perché i suoi muscoli devono affrontare un tipo di stress mai provato prima, e devono adattarsi, con delle reazioni di massa e forza.

La multifrequenza e il recupero muscolare

Ma allora quante volte andare in palestra a settimana? Per un atleta veterano, ovvero che si allena da alcuni anni, il discorso è totalmente diverso dall'atleta neofita. I muscoli di un atleta avanzato, devono nel tempo ricevere un aumento del volume di lavoro, inteso come più esercizi, più serie e ripetizioni. Molti a questo punto obbiettano che sarebbe meglio un aumento della intensità, piuttosto che un aumento del buffer, magari tramite un aumento dei carichi continuo o con l'adozione di speciali tecniche di allenamento tipo il pre stancaggio o il rest pause. ma non si può aumentare il carico all'infinito e nemmeno aumentare l'intensità oltre certi limiti. 

Ci sono dei metodi che propongono queste teorie, come ad esempio l'heavy duty di mike mentzer, ma sugli atleti naturali si sono rivelati dei veri fallimenti, ed hanno causato numerosi infortuni e abbandoni della attività in palestra. Troppo stressanti e inutili, oltre che pericolosi per la salute ( creano ansia e stress cardiaci). E ricordiamo che mike menzer nela sua carriera di bodybuilder, era un dopato, che assumeva oltre che steroidi anabolizzanti anche anfetamine.

La strada migliore per chi saggiamente non usa ne userà mai il doping, rimane quella dell'aumento delle serie e delle ripetizioni, ma il tutto deve essere ordinato in modo logico, a seconda dei gruppi muscolari, le proporzioni di lavoro pesante e leggero, e adozione di schede di allenamento in mono frequenza. Il sistema mws è concepito proprio in questo modo, oltre che essere progressivo a seconda del livello fisico di ogni praticante. Insomma il top per chi davvero ama il bodybuilding naturale ed è comunque ambizioso.

SISTEMA MWS DI MASTER WALLACE

Potrebbe interessarti